Credo quia absurdum

Pubblicato il 19 Gennaio 2021 da Veronica Baker

I comunisti sostengono che siamo tutti uguali, il che ricorda un po’ il “credo quia absurdum” di Tertulliano o di Agostino che sia.
È vero esattamente il contrario.

Nessuno è uguale ad un altro.
Altrimenti la vita sarebbe impossibile od intollerabile.
La natura è di gran lunga più saggia di questi falsi apostoli dell’uguaglianza.

Anacleto Verrecchia


Credo quia absurdum
Le classe inferiori necessitano di lavori manuali per vivere…

Nei primi 10 giorni di quest’anno a New York i reati violenti sono aumentati del 120% rispetto allo scorso anno.
Ovviamente non è certo una sorpresa.

Inoltre la polizia della medesima città ha ammesso che “i primi undici mesi del 2020 hanno raggiunto livelli di criminalità che non si erano mai visti nella storia“.

E’ piuttosto ovvio che le classi più abbienti abbiano una maggiore probabilità di poter lavorare a distanza rispetto alle classi inferiori che devono affidarsi a lavori manuali per poter guadagnare il pane per vivere.

I lockdown infatti colpiscono principalmente le classi più umili.
Rendendole ancora di più povere di quanto non fossero già prima.

Davanti a tutto questo, le elite – vista la distruzione senza precedenti di posti di lavoro che non verranno mai più recuperati – pensano di “risolvere il problema” tramite un vero e proprio genocidio.

Da effettuare tramite “vaccini”.
Il mainstream – come documentato più volte nel corso delle scorse settimane – fa di tutto per occultare la verità.

Ma alcuni paesi sono ormai letteralmente costretti – sotto le pressioni sempre più grandi effettuate da medici integerrimi (cioè coloro che ancora sono fedeli al Giuramento di Ippocrate) che non si sono piegati minimamente ai diktat dei governi – ad uscire allo scoperto.

La Norvegia – dopo 23 morti nel giro di pochissime ore – ha “avvertito” che le persone che hanno una salute più “cagionevole” non “dovrebbero” prendere il vaccino Pfizer.
Alcuni ospedali riferiscono di decessi nella prima settimana che vanno dal 5% al 10% dopo la prima dose.

Immediatamente la Cina (come già praticamente da settimane molti paesi del SudAmerica) ha vietato l’utiilizzo del vaccino Pfizer/BioNTech.

Abbiamo già ampiamente superato il punto di non ritorno.
I politici di praticamente tutto il mondo occidentale stanno permettendo un deliberato genocidio di massa, dando nel contempo la totale impunità alle case farmaceutiche di Big Pharma.

D’altra parte, seguendo la loro logica demoniaca, perchè mai dovrebbero produrre un prodotto sicuro quando sono immuni da ogni azione legale ?

In Germania hanno appena riaperto campi di concentramento di hitleriana memoria (quelli originariamente previsti per i cosiddetti “rifugiati”).
Qualcuno pensa ancora che chi scrive in questo blog sia una paranoica complottista ?

Per altro l’anno scorso (per l’esattezza a partire dal giorno 29 Gennaio) ho ricevuto diversi “avvertimenti” in email ed anche al mio cellulare – da parte di fanatici esaltati – dell’imminente ritorno del partito nazista che mi avrebbe fatto a pezzi incenerendomi nei forni.

Personalmente non ha certo impaurita.
Anzi, mi ha dato una conferma (invero pleonastica) di quello che a breve sarebbe arrivato nel mondo intero.

Ma molti non hanno ancora capito a fondo l’intero piano del Club e cosa sta davvero dietro al cosiddetto “Great Reset”.

Consiglio a tutti – anche se è in inglese – di guardare il prossimo video.
Riassunto fedele di tutti i contenuti che sto raccontando giorno dopo giorno.

Le elite non sono in grado di capire la natura umana proprio perchè hanno sempre vissuto nel loro dorato mondo, senza mai frequentare la gente comune.
Come vado insistendo da settimane, tutto questo finirà davvero in maniera molto violenta[…]

[…]Porterà ben presto ad una violenta rivoluzione contro di loro.
Ben presto la situazione gli sfuggirà definitivamente di mano.
E forse a questo punto si renderanno conto che il loro potere deve essere limitato almeno dal buon senso.

Supereremo anche questo momento difficile.
Ed inizierà la ricostruzione del nostro futuro.


You cannot copy content of this page