Coraggio

Pubblicato il 3 Febbraio 2019 da Veronica Baker

If you’re lonely
You never show a sign
No devotion could ever change your mind
No illusion when your work is done
Nobody knows you
Nobody knows your name
Nobody knows you

Michael CretuSamurai


Settembre 20, 2005


“Chi non risica non rosica” dice la saggezza popolare.
“Chi rischia è più felice” traducono gli scienziati.

Le persone che amano rischiare sono anche le più soddisfatte della propria vita.
Lo hanno dimostrato i ricercatori dell’Institute of Labor Economics dell’Università di Bonn.

La loro indagine (“Individual risk attitudes. New evidence from a large, representative, experimentally-validated survey”) abbraccia un vasto campione : ventimila le persone testate.
Difficile dire però, ammettono gli studiosi, se venga prima il desiderio di rischiare o la soddisfazione personale per la propria vita.
Le persone più appagate potrebbero essere di conseguenza più ottimiste nei confronti della vita e quindi più inclini al rischio.
Al contrario chi non ha paura di rischiare è una persona che ha coraggio e determinazione da vendere e quindi ottiene dalla vita ciò che vuole”1.

Rischio ? No, coraggio

Quando non si ha più il coraggio di “osare” e si gioca soltanto in difesa si sta battendo in ritirata dalla vita.
Lo aveva espresso mirabilmente Pablo Neruda in una sua famosa poesia :

“Lentamente muore
chi diventa schiavo dell’abitudine,
ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,
chi non cambia la marca,
chi non rischia e cambia colore dei vestiti,
chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione,
chi preferisce il nero su bianco e i puntini sulle “i”
piuttosto che un insieme di emozioni…”

Indubbiamente c’è del vero.
Più di rischio avrei usato la parola coraggio.

Coraggio Her Own Destiny
Il coraggio di cambiare

Ma se ti rassegni ad una situazione o più semplicemente al destino significa che hai paura.

Troppo facile aspettare la pappa pronta, oppure aspettare sempre che qualcuno provveda per te.

Troppo facile non prendere posizione oppure lamentarsi sempre e comunque di tutto e di tutti.

Molto più facile che rimboccarsi le maniche ed agire.

Poi certo occorre avere anche delle doti, della capacità personali.

Comunque c’è molta differenza fra coraggio ed incoscienza.
Non amo rischiare.

Ma sicuramente ho avuto sempre coraggio.
Di cambiare.

La mia vita prima di tutto.


Note

1 Articolo tratto dal Corriere della Sera del 20 Settembre 2005



StrongerthanDestiny


You cannot copy content of this page