Continua la farsa di S&P

Pubblicato il 30 Novembre 2011 da Veronica Baker

L’agenzia di rating Standard & Poor’s ha deciso di tagliare il rating di Bank of America Corp, Citigroup Inc e Goldman Sachs Group Inc da A a A-

Chiusura in territorio misto per i listini americani : Nasdaq -0.47%, Dow +.28% , S&P500 +0.22%. Ma l’evento del giorno è stata la notizia pubblicata dopo la chiusura della regular session del taglio del rating per Bofa, C, e GS ( rotfl ! ) da parte dell’eretica S&P ( evidentemente Blankfein aveva bisogno di acquistare sulla debolezza oppure di ribilanciare le sue posizioni , non si downgrada impunemente la maggiore divinità assoluta dell’universo) A sorpresa ieri la fiducia dei consumatori USA ha rimbalzato più del consensus ( ma un dato buono ce lo si poteva aspettare , visto il buon andamento delle vendite per il Black Friday ) ,56 punti contro 44 ed in netta progressione rispetto ai 40.9 di Ottobre .

Da segnalare sul fronte societario inoltre il pessimo outlook di Tiffany&Co ( anche i ricchi piangono…) per il Q4 , la sempre comica raccomandazione di buy di Jim Cramer per Home Depot ( +4.45% , evidentemente c’è ancora gente che fa finta di credere a questo cabarettista ) , le revisioni ampiamente al ribasso per il Q4 per Corning ( -11% , gli LCD iniziano ad avere margini risicatissimi ) e soprattutto il ricorso al chapter 11 per AMR ( “saremo più forti di prima” , sì, per la serie prendo il malloppo e scappo via…) Questa mattina borse asiatiche in scia all’after hour USA ( Nikkei -.51% , HangSeng -1.46% ) , con pesantissima Shanghai (-3.00%) ed in moderato rialzo l’Asx australiano (+.41%).

You cannot copy content of this page