Che sarà ?

Pubblicato il 3 Novembre 2019 da Veronica Baker

È nella crisi che il meglio di ognuno di noi affiora.
Senza crisi qualsiasi vento diventa una brezza leggera.

Albert Einstein


Ottobre 15, 2019


Mettere altre tasse significa ulteriore perdita di potere di acquisto sulla larga base imponibile, che ovviamente toglierà risorse ai consumi con conseguente spirale negativa.
Togliamo tasse alle imprese senza contropartita invece di incentivarli agli investimenti.

Inoltre la natura oligarchico-parassitaria del paese continua a rimanere completamente intonsa sia nel settore pubblico che in quello privato.
Alti funzionari dello stato e supermanager da oltre mezzo milione di $ l’anno, banchieri falliti che ogni giorno tengono lezioni sul sistema-paese in attesa di attribuire a terzi il loro miserabile fallimento.

Per tacer di una corruzione sempre di più in aumento.

Giò

Che sarà ?

Che sarà
Un quadro inevitabile…

Un quadro pessimo ed inevitabile, visto la difficoltà a recuperare fondi a buon mercato.
Il risultato sarà una mazzata catastrofica (e definitiva) per l’immobiliare soprattutto non di pregio (che già oggi non ha mercato).

Un mercato immobiliare che già di per sè è illiquido per definizione.

In arrivo inoltre una patrimoniale sulle rendite catastali (calcolate ovviamente sulla base dei valori teorici e non a mercato degli immobili) con conseguente ulteriore pesante svalutazione del patrimonio immobiliare.

Senza conteggiare le spese di manutenzione e di messa a norma.
E tutti coloro che hanno aziende e che lavorano con l’acqua alla gola ?

Nessuna speranza di sopravvivenza.

Non è certo il momento di usare il fioretto, ma la spada.
Per altro l’unica strategia corretta sarebbe mantenere i margini investendo gli utili in pubblicità ed in tecnologia.

Ma se la azienda è già fortemente indebitata con le banche, oppure se ha costi che erodono totalmente il cash flow senza avere delle ampie riserve a bilancio, le  speranze di sopravvivenza sono prossime allo zero.
Anche se sei il migliore sulla piazza.

Il sistema non può reggersi per molto.
Ma il vero problema è che l’unica soluzione – unica per sopravvivere – è trasferirsi (per chi può e soprattutto chi lo vuole per davvero) in luoghi migliori dove fare il proprio business.
Il rapporto costo della vita/salario medio è ormai insostenibile.
E la riforma del mercato del lavoro (= dumping salariale) unita al prossimo aumento ulteriore delle accise segneranno il declino finale.

Veronica



StrongerthanDestiny


You cannot copy content of this page