CERN : scienza od occultismo ?

Pubblicato il 29 Ottobre 2021 da Veronica Baker

La scienza e l’occultismo sono sempre stati intimamente legati nel corso della storia umana.
Il mondo materiale è sempre stato strettamente legato al mondo immateriale, la fisica è la controparte della metafisica, il mondo invisibile oltre il visibile percepibile.

Veronica Baker


CERN : scienza od occultismo ?

Uno sguardo sulle reali finalità del CERN di Ginevra, e le solite sperticate lodi che si ascoltano sui mass-media di tutto il mondo.

Il gigantesco laboratorio di ricerca nucleare CERN (oggi denominato “Laboratorio europeo di fisica delle particelle”) è stato fondato nel 1954, ed ha sede vicino a Ginevra, sul confine franco-svizzero.

Questo sito di ricerca scientifica è un gigantesco complesso sotterraneo, dotato del più grande e potente acceleratore di particelle del mondo, il Large Hadron Collider.


CERN : scienza od occultismo ?


È la macchina più grande del mondo.
Consiste in un anello di circa 9.600 supermagneti superconduttori che si estende per 27 chilometri.

L’obiettivo (dichiarato) è quello di studiare i componenti di base della materia per svelare i segreti dell’universo e della creazione, una ricerca di ordine e una dimensione puramente metafisica.

Ma c’è molto altro da scoprire intorno a questo sito, come molti elementi simbolici misteriosi possono suggerire.
Meritano di essere analizzati e studiati con grande attenzione, perché possono aiutarci ad identificare le vere motivazioni di questi scienziati.

In questo modo è possibile trovare molti elementi interessanti che legano il CERN alla mitologia e a un certo esoterismo.


CERN : scienza od occultismo ?


CERN : scienza od occultismo ?
Tutte le merci che circolano sul pianeta, contrassegnate da un codice a barre, sono anche codificate con questo 666…

Per cominciare, è sorprendente notare che il logo di questo laboratorio mostra un simbolismo piuttosto oscuro poiché riprende chiaramente il famoso numero della bestia dell’Apocalisse di San Giovanni, 666, con tre 6 sottilmente intrecciati, esattamente come il logo del celebre browser di Google, cioè Chrome.

Un rapido inciso, sempre a proposito di questo famoso numero.

E’ assai interessante sapere che tutte le merci che circolano sul pianeta, contrassegnate da un codice a barre, sono anche codificate con questo 666.

In effetti, i codici a barre hanno tre serie di separatori a doppia barra che si estendono verso il basso, che si possono vedere a sinistra, al centro e a destra di ogni codice.
Questi sarebbero marcatori necessari per la scansione e hanno un valore di 6.

George Laurer, l’inventore del codice a barre, regolarmente interrogato su questo argomento, ha confermato questo fatto, ma parla di puro caso.
Ognuno penserà quello che vuole, ma dobbiamo ammettere che questa è una coincidenza molto curiosa…

Il World Wide Web (WWW) è stato inventato al CERN dall’ingegnere e fisico britannico Tim Berners-Lee.
Il NeXTcube usato da Tim Berners-Lee al CERN divenne il primo server web.

I primi ad adottare il “WWW” furono soprattutto i dipartimenti scientifici delle università o i laboratori di fisica.


CERN : scienza od occultismo ?


Il NeXTcube usato da Tim Berners-Lee al CERN.


CERN : scienza od occultismo ?


Il NextCube, introdotto sul mercato nell’ottobre 1988, è una scatola nera di 12 pollici per lato creata da Steve Jobs, questo computer era basato sul microprocessore Motorola 68030, a 25 MHz era il computer più potente esistente all’epoca.


CERN : scienza od occultismo ?


Il cubo nero di Saturno (Satana).
Notate la forte somiglianza con il computer D-Wave.


CERN : scienza od occultismo ?


Un cubo tridimensionale che forma un esagono di 6 vertici o facce.


CERN : scienza od occultismo ?


Anche qui, il numero maledetto 666 può essere trovato con il web, perché è codificato in ebraico.
Infatti, la lettera “Waw”, la sesta lettera dell’alfabeto ebraico ha un valore numerico di sei.

Il mistero della lettera “Waw” consiste in questo : è l’immagine della figura dell’uomo in piedi.
Il “Waw” è spiegato nella Kabbalah come segue: la lettera “Waw”, che ha la forma di un corpo, si assottiglia come il corpo, per segnare che è l’ultima manifestazione diretta di Dio.

Questa lettera è un asse verticale che collega la Terra e il Cielo.

Seguendo la traccia della simbologia, la lettera [waw], presente negli alfabeti semitici aramaico, ebraico e arabo, che rappresenta la w dell’alfabeto latino e che è, precisamente, la sesta lettera nella disposizione degli alfabeti ebraico (ו), aramaico, fenicio e punico, ed anche nella disposizione alfabetica araba tradizionale e simile alla lettera Omega (Ω), anch’essa simile alle chiavi tenute dalla figura di Innana.


CERN : scienza od occultismo ?


 

CERN : scienza od occultismo ?


CERN : scienza od occultismo ?


Dal “Tetragramma YHWH” deriva il nome sacro di dodici lettere e 72 lettere nel modo seguente : l’universo è un cerchio divisibile in dodici angoli, ognuno dei quali avrebbe sei dimensioni.

Bisogna notare che con l’invenzione della rete WWW di Internet, siamo già in presenza di un portale che permette il passaggio dal mondo fisico al mondo digitale virtuale, nell’immagine del CERN, che potrebbe anche essere un gigantesco portale dimensionale.

Inoltre, all’ingresso del CERN c’è una statua dedicata al Dio indù Shiva, con i suoi capelli ondulati fatti di serpenti e le sue molteplici braccia tentacolari.
Quest’ultimo non è altro che il Dio della distruzione e del caos, ma con lo scopo di creare ulteriormente, il che è molto simbolico e ci ricorda anche il motto indispensabile della Massoneria del 33° grado del “Rito Scozzese Antico e Accettato”, “Ordo ab Chaos”, o il concetto di “Distruzione Liberatrice”.

La statua di “Shiva” al CERN ha una postura chiamata “Nataraja, che in sanscrito significa il re della danza.
Esegue una danza cosmica di creazione e distruzione.

Nella mitologia indù, distrugge il mondo per rigenerarlo e restaurarlo.
È così che gli scienziati del CERN devono vedersi, come distruttori e creatori.

Come figura tutelare del CERN, gli scienziati si riferiscono a Shiva come ad un Dio onnipotente.

In altre parole, hanno sostituito il Dio della Bibbia con questo Dio distruttivo che distrugge la materia a livello molecolare per ricombinarla.


CERN : scienza od occultismo ?


Nella mano sinistra della statua, si può osservare una fiamma, che simboleggia la distruzione del mondo, mentre in un’altra delle sue mani, sta afferrando un serpente.
Dall’altra parte, nella mano destra superiore, tiene un tamburo a due pelli, un “damaru” a forma di clessidra.

Questo strumento musicale tradizionale indiano simboleggia il suono primordiale della creazione dell’universo.
Il “damaru” è un simbolo dell’infinito e del tempo infinito.

Rappresenta l’universo in espansione ed esplosione.
Si noti che la forma del “damaru” evoca anche quella di un vortice, o di un wormhole.

In astrofisica, è un oggetto ipotetico che collegherebbe due regioni distinte dello spazio-tempo, con un buco nero da una parte e un buco bianco dall’altra.
Permetterebbero di viaggiare da un punto dello spazio-tempo ad un altro, come una scorciatoia.

Per tornare alla statua di Shiva, egli fa parte di una specie di ruota cosmica e le fiamme intorno a lui rappresentano la successione dei cicli.

Secondo la professoressa Irina Aref’eva e il dottor Igor Volovich, entrambi fisici matematici presso l’Istituto matematico Steklov di Mosca, le energie generate dalle collisioni subatomiche che avvengono nell’Hadron Collider potrebbero essere abbastanza potenti da lacerare lo spazio-tempo stesso e quindi creare wormholes !

Un altro dettaglio interessante è che Shiva sta in piedi sul nano “Apasmāra“, o “Muyalaka”, che rappresenta l’ignoranza e la stupidità, che calpesta e schiaccia con i suoi piedi.

Questo nano grottesco è un demone e si dice che sia immortale.
Shiva rappresenta la quintessenza della conoscenza e il trionfo della scienza.

Questa postura molto simbolica può anche riferirsi alla figura gnostica e alchemica del Rebis, che è essenziale nella Massoneria.
Infatti, quest’ultimo tiene in considerazione un drago e non un nano, che calpesta anche con i piedi.

CERN : scienza od occultismo ?
Figura androgina a due teste, il Rebis rappresenta il dio civilizzatore…

Questa misteriosa figura tiene nelle sue mani gli attributi della conoscenza e della scienza, con il suo compasso e la sua squadra.

Figura androgina a due teste, il Rebis rappresenta il Dio civilizzatore e la sua consorte, la conoscenza, che offrono all’umanità gli strumenti della sua liberazione dal drago cattivo che la tiene nell’ignoranza.

Così, il compasso e la squadra, strumenti di ricerca scientifica e tecnologica, permettono di dominare la creazione e di diventare legali con Dio, cioè il Dio della Bibbia rappresentato dal drago, e di essere liberati da lui.

Infatti, il globo terrestre, il mondo materiale, risponde a leggi simboleggiate da figure geometriche e numeri.
Ora, la materia, il globo terrestre, è indipendente dal dio cattivo : può volare con le proprie ali.

Pertanto, è attraverso lo sviluppo e la padronanza della scienza e della tecnologia, seguendo il cammino dell’illuminazione e della conoscenza, che l’umanità potrà finalmente liberarsi dal Dio tiranno.

Non è forse questa la strada che gli scienziati del CERN hanno scelto di seguire, accecati dalla loro inestinguibile sete di conoscenza, a rischio di scatenare sulla terra forze incontrollabili di distruzione ?

Su una targa commemorativa proprio accanto alla statua c’è la seguente citazione del fisico americano Fritjof Capra, un “teorico dei sistemi” che lavora sulla cosiddetta “ecologia profonda” :

“Centinaia di anni fa, gli artisti indiani hanno creato immagini visive di Shivas danzanti in una bella serie di bronzi.
Nella nostra epoca, i fisici hanno utilizzato la tecnologia più avanzata per rappresentare i modelli della danza cosmica.

La metafora della danza cosmica unifica così la mitologia antica, l’arte religiosa e la fisica moderna”.

Questo scienziato, ben versato nelle credenze dell’induismo e del taoismo, ha anche affermato :

“Ogni particella subatomica non solo fa una danza energetica, ma è anche un processo pulsante di creazione e distruzione… senza fine… Per i fisici moderni, la danza di Shiva è quindi la danza della materia subatomica”.

Inoltre, è anche veramente sorprendente trovare in questa installazione del CERN, pannelli molto strani con messaggi scritti in lingue come il mandarino, con caratteri arabi o anche, per alcuni di loro, lingue morte, come il sanscrito, cioè iscrizioni scritte nella “lingua degli dei” !

In India, le uniche persone che ancora leggono e scrivono il sanscrito sono gli studiosi dei Veda e delle Upanishad.
In effetti, questo suggerisce che gli scienziati del CERN si stanno preparando al contatto con altre entità provenienti da altrove, anche dal passato.

Inoltre, il dio “Shiva” può anche riferirsi ad un altro simbolo occulto molto antico, che è la figura ciclica del serpente gnostico “Ouroboros” che si morde la coda.

Inoltre, l‘acronimo “CERN”, che originariamente derivava dal suo nome di “Consiglio Europeo per la Ricerca Nucleare”, è stato mantenuto così com’è, anche se non è più assolutamente rilevante, dato che ora ci si riferisce al “Laboratorio Europeo per la Fisica delle Particelle”.

Forse perché ha una particolare importanza simbolica.
Infatti, la parola “CERN” si riferisce anche alla divinità cornuta “Cernunnos, che proviene dal pantheon della mitologia celtica e incarna il ciclo biologico della natura, riflettendo simultaneamente morte e rinascita, decadenza e germinazione.

Il simbolismo e il punto comune di tutti questi grandi archetipi e divinità mitologiche è quello di incarnare il rinnovamento di un ciclo, che passerebbe attraverso una fase di distruzione precedente.
Un altro punto comune sta nel fatto che tutti hanno una connessione con un serpente nelle loro rappresentazioni, che può riferirsi all’antico serpente tentatore e ingannatore della Genesi.

Si può anche notare che l’infrastruttura del tunnel del Large Hadron Collider al CERN è anche un anello sotterraneo largo 27 km, che potrebbe essere simbolicamente una rappresentazione dell’anello di Cernunnos.

Ma non è tutto.


CERN : scienza od occultismo ?


CERN : scienza od occultismo ?


Come già detto nella prima parte, sul sito del CERN si stanno conducendo in parallelo vari esperimenti e progetti scientifici.
Ci sono i programmi Delphi, Atlas ed Alice, tra gli altri.

Si scopre che questi diversi nomi, presi dalla mitologia o dai romanzi, hanno una cosa in comune : parlano di universi o dimensioni parallele.

Secondo la mitologia greca, Delfi era il centro del mondo e il tempio di Delfi serviva per comunicare con il dio Apollo attraverso l’oracolo della Pizia.

Era quindi un portale tra due mondi, il mondo fisico materiale e il mondo immateriale degli dei.
E vale la pena notare che l’antico nome latino del sito del CERN nel comune di Saint-Genis-Pouilly nel dipartimento dell’Ain non è altro che “Appolliacum”, che significa “Tempio di Apollo”, in altre parole il tempio di Dio.

Per quanto riguarda Atlas, è un titano della mitologia greca, che fu condannato da Zeus a sostenere la volta del cielo per l’eternità.
Ancora una volta, c’è un legame tra il cielo e la terra.

Inoltre, la catena montuosa del Monte Atlante è così alta che si dice che sostenga il cielo, come se fosse l’asse del mondo.

Infine, anche Alice, nelle sue avventure fantastiche, si sposta da un mondo all’altro, dal mondo reale al paese delle meraviglie.
Per farlo, deve passare attraverso una piccola porta, che non è altro che una specie di portale.
Inoltre, quando passa da un mondo all’altro, vortica come in una specie di vortice.

Sempre in tema di simbolismo, sul sito del CERN, c’è un edificio sorprendente, la cui estetica ricorda fortemente un tronco.
Senza dubbio gli scienziati del CERN si paragonano alle api operose, che lavorano instancabilmente per completare il loro progetto.

Tuttavia, sarebbe importante sapere su quale progetto stanno lavorando…

Il direttore generale del Cern dal 2009, il professor Rolf-Dieter Heuer, avrebbe addirittura dichiarato che lo scopo di tutta l’impresa non è altro che “aprire la porta dell’abisso” !

Un’affermazione che ci riporta direttamente al testo dell’Apocalisse, più precisamente al capitolo 9 delle rivelazioni, che recita così :

“Poi il quinto angelo suonò la tromba, e vidi una stella cadere dal cielo sulla terra, e gli fu data la chiave dell’abisso senza fondo, ed egli aprì l’abisso senza fondo, e dalla fossa salì del fumo, come il fumo di una grande fornace ; e il sole e l’aria furono oscurati dal fumo dell’abisso”.

Vi lascio apprezzare da soli la continuazione delle tribolazioni che seguono l’apertura di questo pozzo dell’abisso…ma non è una passeggiata.

Inoltre, sempre in relazione all’Apocalisse di San Giovanni, l’angelo sterminatore dell’abisso e del regno dei morti ha per nome Abaddon che significa “distruzione”, o “abisso”, ma il suo nome corrispondente in greco è Apollyon che fa eco al nome Appolliacum.

In altre parole, l’ubicazione molto sorprendente di questo complesso scientifico internazionale non è stata certamente scelta a caso.
Questa posizione è anche molto curiosa, poiché si trova a cavallo di due paesi sovrani, uno dei quali, la Svizzera, non fa nemmeno parte dell’Unione Europea.

Cern è costruito sull’antico sito di un tempio romano dedicato al culto di Appolon.
La gente che viveva lì credeva che fosse una porta per gli inferi.

Inoltre, bisogna notare che il laboratorio “CERN” è stato finanziato dai governi dell’Unione Europea, sotto l’impulso dell'”UNESCO” e dell’ONU, la cui filosofia e mentalità decisamente ostile a Dio, può essere dimostrata dalla forma così caratteristica dell’edificio Louise Weiss del Parlamento Europeo.

In effetti, questo edificio non è altro che una nuova Torre di Babele aggiornata, che segue le orme di quella costruita a suo tempo dal tiranno “Nimrod” e ne riprende il testimone.

CERN : scienza od occultismo ?
Questo edificio non è altro che una nuova Torre di Babele aggiornata…

Il “CERN” potrebbe, come vedremo, essere una sorta di nuova Torre di Babele tecnologica, una scala per il cielo, una porta stellare che collega le dimensioni temporali e spirituali, aggirando tutte le proibizioni divine.

La filosofia piena di orgoglio dei costruttori della Torre di Babele era di raggiungere il cielo senza l’aiuto di Dio.

Per questi scienziati, si tratterebbe di cercare di rompere il confine tra il mondo fisico e l’aldilà, un po’ come il mitologico “Vaso di Pandora“, che, dopo essere stato aperto, diffuse tutte le piaghe e le desolazioni sul mondo.

Non dimentichiamo che la fiera ambizione di Satana è quella di scimmiottare la creazione.

In altre parole, è sfidare e sostituirsi a Dio, giocare sul suo stesso terreno, forse distruggere la sua creazione per ricomporla, rimodellarla secondo nuovi disegni.
Satana vuole detronizzare il vero Dio creatore e prendere il suo posto di potere.

Per coloro che sono scettici sulle potenziali mire occulte degli scienziati del CERN, ricordino che le principali figure che hanno gettato le basi della scienza moderna, come John Dee, René Descartes, Isaac Newton e Francis Bacon, erano tutti ben versati nell’occulto o nella cabala.

Lo stesso vale per i fisici moderni, che sono gli eredi degli antichi alchimisti, che conoscevano l’occultismo.
Si può anche pensare all’ingegnere missilistico completamente matto della NASA, Jack Parsons, discepolo del mago nero Aleister Crowley, e che cercò nel 1946 di dare vita, durante rituali magici chiamati “Babalon Working“, all’Anticristo, facendo nascere “Moonchilds” con sua moglie Marjorie Cameron.

La scienza e l’occultismo sono sempre stati intimamente legati nel corso della storia umana.
Il mondo materiale è sempre stato strettamente legato al mondo immateriale, la fisica è la controparte della metafisica, il mondo invisibile oltre il visibile percepibile.

Sono due facce della stessa medaglia e solo una sottile cortina separa questi due livelli di realtà.
Una tenda che alcune persone stanno chiaramente cercando di distruggere.

In ogni caso, temo che tutto questo sia un segno di tempi bui e difficili per l’umanità.

Alcuni farebbero bene a ricordare la famosa massima di François Rabelais, mai così attuale :

“La scienza senza coscienza è la rovina dell’anima…”.


CERN e le vere ragioni della carenza energetica europea

L’LHC è stato costruito dall’Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare (CERN) tra il 1998 e il 2008 in collaborazione con più di 10.000 scienziati e centinaia di università e laboratori, oltre a più di 100 paesi del mondo.

Gli scienziati sono riusciti ad accelerare le particelle al 99,9999991% della cosiddetta velocità della luce, il limite di velocità nell’universo.
Le prime collisioni sono state realizzate nel 2010 a un’energia di 3,5 teraelettronvolt (TeV).

All’LHC sono stati costruiti nove rivelatori, situati nel sottosuolo in grandi caverne scavate nei punti di intersezione dell’LHC :

ATLAS
CMS
ALICE
LHCb
TOTEM
MoEDAL
LHCF
FASER
AWAKE

photo 2021 10 26 07 23 45
Il progetto di ingegneria civile per l’esperimento dell’acceleratore di plasma Wakefield guidato da protoni (Project AWAKE) ha inizio presso il CERN di Ginevra nel 2014.

Il progetto di ingegneria civile per l’esperimento dell’acceleratore di plasma Wakefield guidato da protoni (Project AWAKE) ha inizio presso il CERN di Ginevra nel 2014.

Nell’avvio del progetto AWAKE (Run 1), tra il 2016 e il 2018, è stato dimostrato con successo per la prima volta che un fascio di protoni può essere utilizzato per guidare i campi di attivazione del plasma e che gli elettroni iniettati esternamente sono accelerati da 20 MeV a 2 GeV su una lunghezza di 10 metri.

Questo significa raggiungere un gradiente di accelerazione medio di 200 MV/m, un gradiente molto più forte di quello ottenuto con le tecnologie convenzionali.

Nel 2016 una strana tempesta appare sopra il CERN.
I mass-media iniziano a speculare che stessero aprendo dei portali durante la fase di avvio del progetto AWAKE.

Nel settembre 2021 il progetto AWAKE inizia la sua seconda corsa (run 2).

L’LHC è stato rimodellato (High-Luminosity LHC) per lavorare ad un livello di luminosità più alto dell’acceleratore originale che ha trovato il famoso bosone di Higgs.

L’High-Luminosity LHC mira ad aumentare significativamente il numero di collisioni (una proprietà è nota come “luminosità”), un miglioramento che gli scienziati del CERN affermano che “aiuterà a capire meglio le circostanze in cui il bosone di Higgs è prodotto“.

Durante i due anni di arresto tecnico, l’LHCb ha subito una metamorfosi epocale.
Dopo più di due anni di lavori di aggiornamento e manutenzione, i quattro esperimenti principali dell’LHC stanno ultimando i preparativi per ricevere i fasci pilota.
La messa in servizio è iniziata nel maggio 2021.

Il Super Proton Synchrotron (SPS) ha visto i suoi primi fasci accelerati a maggio.



Nell’ottobre 2021, i quattro esperimenti dell’LHC si sono preparati per i fasci pilota.
Dopo più di due anni di lavori di aggiornamento e manutenzione, i quattro esperimenti principali dell’LHC stanno ultimando i preparativi per ricevere i fasci pilota.

Il nuovo acceleratore lineare di particelle si chiama Linac 4.
I primi fasci di protoni hanno circolato nella catena dell’acceleratore del CERN nel dicembre dello scorso anno, ed il primo fascio è stato iniettato nel PS Booster (PSB), collegandolo al nuovo Linac4 per la prima volta.

Il nuovo acceleratore di particelle circolare che il CERN vuole costruire e mettere in funzione nel (2038) funzionerà a un’energia di 100 TeV (teraelettronvolt).
L’attuale LHC opera ad un’energia di 16 TeV (teraelettronvolt).

Il nuovo LHC avrà una circonferenza di 100 km (l’attuale LHC è di 27 km).

Aggiornamenti del programma ALICE :

Subdetector
TPC
Miniframe
Muon Forward Tracker
Sistema di tracciamento interno migliorato

Aggiornamenti del programma ATLAS :

Aggiornamenti
Software
Trigger

Aggiornamenti del programma CMS :

Nuovi GEM
Pipeline
Pixel Tracker
Sottodetettori di luminosità

Aggiornamenti LHCb :

Rilevatore di inseguimento di particelle in fibra scintillante
Nuovo “SciFi” e rivelatori Cherenkov di immagini

Aggiornamento di Linac4 :

Acceleratore della catena di iniezione



Tutto questo è un buon riassunto che dovrebbe essere letto da tutti coloro che credono ancora che il CERN sia stato fermato dall’opera indefessa del Nuovo Messia “difensore dell’Umanità” (sempre massico tamudista/sionista però) Donald Trump.

Come potete vedere, questo arresto tecnico ha invece trasformato totalmente il CERN in modo radicale, ed ora è davvero molto più potente di prima.

Ed ora, chiedetevi il perchè della crisi energetica e del razionamento elettrico alle aziende, Svizzera compresa.

Uno sguardo sulla pericolosità di un lungo black-out energetico

Senza elettricità, le forniture adeguate di acqua e di combustibile vengono immediatamente a mancare.
Enormi magazzini di congelamento in cui il sistema di refrigerazione smette di funzionare e tutti i tipi di sostanze pericolose possono facilmente uscire.

E non è tutto.
Oltre alla perdita dell’intero commercio alimentare, delle stazioni di servizio e dei negozi, il black-out colpirebbe naturalmente anche la sicurezza delle banche.
Uno scenario inquietante che lascia molto, molto spazio alla speculazione. .

Si moltiplicano i segnali da parte degli oscuri di un imminente (e provocato ?) crollo dell’elettricità in tutta Europa.



L’inizio probabile : un sovraccarico causato da fluttuazioni simultanee e “casuali” in un sistema energetico diventato con il tempo sempre più instabile. Immediatamente dopo inizierebbe un effetto domino di reazioni “inaspettate”.

Ad esempio, dopo soli sette giorni, la fornitura di cibo alla popolazione scomparirebbe.

E se si protraesse per più di una settimana ?
Senza elettricità, ovviamente, tutte le società di telecomunicazioni fallirebbero.
Rete elettrica e rete Internet spenta in tutto il pianeta.

Tutto questo è ben noto grazie a Cyber Polygon che in un certo senso lo ha già “predetto”.

Carenza di cibo e di farmaci, ospedali che non funzionano, servizi pubblici inaccessibili, ingorghi, mancati pagamenti, fabbriche che chiudono, rischio molto alto di incidenti nucleari.

Niente nel frigorifero.
E, naturalmente, niente acqua.
Nei rubinetti e nelle cisterne.

Caos, assoluto.
Ricordate sempre il motto dei soliti oscuri :

“In Orbo Ab Caos”.

Uno dei detti più amati dei talmudisti/satanisti/sionisti.

L’altro è :

“Post Tenebras Lux”.

E come al solito, vorranno vendere coscienziosamente, dopo un precedente e brutale lavaggio del cervello, il loro “ordine” luminoso e “salvifico”.
Allo stesso modo dei cosiddetti “vaccini”.

Quindi, questa minaccia di blackout nasconde qualcosa di più grande sullo sfondo.

Insomma, in coincidenza con l’inizio del CERN dopo due anni di blocco totale, e con la Svizzera (proprio dove si trova il CERN, che coincidenza !) che sta “avvertendo” del taglio di corrente.

Perchè ?
I tagli massicci sono quasi certamente dovuti alla deviazione del flusso di corrente elettrica verso un’altra direzione.
E per fare questo hanno bisogno di una quantità enorme di energia come non si è mai vista prima.


BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page