Barriere sociali

Pubblicato il 24 Giugno 2021 da Veronica Baker

Father made my history
He fought for what he thought would set us somehow free
He taught me what to say in school
I learned it off by heart but now that’s torn in two
And now I know what they’re saying in the music of the parade
And we made our love on wasteland and through the barricades

Spandau BalletThrough the barricades


Barriere sociali
Un tempo presupponevano una presenza sul territorio…

Le barriere sociali si creano quando il denaro, la cultura, le credenze personali, la morale, le appartenenze politiche spingono individui o gruppi ad elevare steccati per “separarsi” volontariamente, per distinguersi dal resto della gente e per affermare, intrinsecamente, un giudizio negativo sugli altri.

Un tempo presupponevano una presenza fisica sul territorio.
Il ricco proprietario terriero con una splendida casa di campagna non invitava certo i suoi contadini alle feste.

Ma poco gli importava di altri ricchi proprietari terrieri che vivevano lontani da lui.

E’ possibile che le prime barriere sociali “organizzate” siano stati (e sono ancora) club, centri sportivi, associazioni nelle quali si è “ammessi” su presentazione di due o più individui già soci.

Ma solo se si appartiene ad una “certa classe”.

In alcuni casi si adotta un particolare modo di vestire, un emblema comune, un distintivo, un motivo musicale per “riconoscersi” come appartenenti a quel gruppo.

Ma in fondo è possibile non badare alle differenze non solo sociali, ma anche culturali, religiose, geografiche.
Basta leggere più risposte o domande di una persona per capire la provenienza, il livello culturale, sociale.

Ma questo non frena il rapporto.
L’amicizia di solito la instauri con una persona che almeno in qualcosa ti è affine.



StrongerthanDestiny


You cannot copy content of this page