Andrews il folle

Pubblicato il 18 Settembre 2020 da Veronica Baker

Fin quando ci saranno delle dittature, non avrò il coraggio di criticare una democrazia.

Jean Rostand


Andrews il folle

Andrews il folle
Gli investimenti internazionali stanno velocemente volatilizzandosi….

Il neo dittatore autraliano dello stato del Victoria Andrews ha dichiarato recentemente che chiunque non sia d’accordo con lui è un “teorico della cospirazione”.
Quindi necessita di essere messo in prigione.

Secondo costui infatti occorre al più presto mettere in gattabuia “conspiracy theorists who refuse to self-isolate or severely drug-affected or mentally impaired people who do not have the capacity to quarantine”.

Daniel Andrews sta mostrando al mondo intero il piano globale del Club.

Limitazione totale della libertà, nessun diritto di parola, nessun diritto civile o legale.
Nessuna sorpresa naturalmente.

C’è però a questo punto da domandarsi se Andrews inizierà a chiedere l’estradizione per tutti coloro che osano criticarlo pubblicamente, compresa ovviamente la sottoscritta che scrive in queste righe.

Oppure chiuderà la redazione di Sky News Australia.
Dove ieri – come da filmato riportato – hanno riportato i numeri di questa follia collettiva.

Un uomo è finito in come dopo un calcio in testa subito dalla Polizia locale.

Questa è la sua giustificazione nei loro riguardi :

“All this can be avoided if people don’t protest”

Ecco, questa frase riassume esattamente il pensiero di questa gente.
Non sa rispettare nè i diritti umani, nè i principi di una società libera.
Andrews desidera esclusivamente poteri dittatoriali illimitati.

Non deve inoltre sorprendere la scelta di Andrews di assumere “preferibilmente” forze di Polizia “private” provenienti da città e stati diversi dallo stato del Victoria.
Questo fatto spiega anche il perchè siano così ciniche e spietate.

Se non hanno alcun legame con la comunità, nè sono residenti localmente, hanno molto meno scrupoli nel colpire la gente del posto.
Inoltre – rimanendo sempre in tema – sono state comminate circa 20.000 multe per “violazioni della sicurezza nazionale”.

L’Australia dovrebbe inviare truppe federali a Melbourne per rimuovere questo pazzo.
Naturalmente non lo farà mai.

Andrews sta rendendo l’intero paese insicuro dal punto di vista finanziario.
Gli investimenti internazionali stanno velocemente volatilizzandosi.

Ed anche alla Zecca di Perth – una delle casseforti internazionali delle riserve di oro e di argento – stanno iniziando ad incazzarsi.
Giustamente.

Naturalmente per quanto mi riguarda (e per quel nulla assoluto che ovviamente conta) è da mesi che sto boicottando qualsiasi investimento (al rialzo od al ribasso, poco importa) nei mercati autraliani e neo-zelandesi.

Ed ho chiuso (già da molti anni per la verità) qualsiasi rapporto finanziario con banche o broker australiani.
Ricordo che Melbourne è stata per anni all’avanguardia nel settore.

Per altro purtroppo penso che entro poche settimane la lista degli stati che dovrò boicottare per motivi “etici” si allungherà assai rapidamente.

Oltre all’Ungheria – abbastanza insignificante da questo punto di vita – c’è il concreto rischio che anche l’Irlanda a partire da questo week-end finisca in questa lista.

E l’Irlanda è un paese (finanziariamente) davvero molto importante.



BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page