A ciascuno il suo

Pubblicato il 24 Aprile 2022 da Veronica Baker

L’amore è la nostra resistenza.
Ci terranno separati e non smetteranno di distruggerci.

Veronica Baker


A ciascuno il suo

Attenzione a non cadere nella trappola della paranoia più totale che stanno preparando “i soliti noti”.
Ad esempio, la settimana scorsa ho guardato il seguente documentario presentato in uno show trasmesso in TV (appunto…).



Questi i prodotti consigliati dal Dr. Ardis per la “disintossicazione dal V” :

The Anti-V Collection is a special formulation created by Dr. Bryan Ardis, D.C.

The Anti-V Collection is a four bottle supplement kit that includes 4 separate bottles of Quercetin, Immune-C, N-acetyl L-cycteine (NAC), and Zinc.
Each kit is a 30 day supply of premium ingredients that are made in our facility in Plano, TX.

Dr. Ardis, D.C. recommends this supplement collection because:

1. Vitamin C is found in numerous studies to inhibit destructive and deadly impact of V.
2. NAC (N-acetyl L-cysteine) helps the liver make Glutathione, is proven to be completely inhibitory to things such as S. V. Phosphodiesterase.
3. Zinc in receptors are the second most targeted receptors of all cells by V.
4. Quercetin which is a natural substance that behaves like a zinc ionophore and should complement the zinc receptor protections against V.

Vorrei fare notare che le “cure” contro il cosiddetto “V del serpente” consigliate dal Dr. Ardis, sono esattamente identiche a quelle che avevo già spiegato a Luglio dell’anno scorso per disintossicarsi dal GRAFENE  : (zinco, rame, N-acetilcisteina, addirittura nicotina – in cerotti –   e per certi versi anche alcool perchè hanno un effetto degradante nei confronti del grafene).


Glutatione, N-acetilcisteina, fotoluminescenza del grafene


Come disintossicarsi dall’ossido di grafene


Anti ossidanti che combattono l’ossido di grafene : come disintossicare il nostro corpo con infusi naturali


Nonchè che il problema più grande da affrontare era che i cosiddetti “vaccini” permettono il superamento della barriera encefalica, poichè agiscono a livello cerebrale (ed ecco il perchè del cosiddetto effetto collaterale spesso percepito di “vivere come in una bolla”).

“I risultati finora indicano che l’ossido di grafene ridotto ha il potenziale di trasportare farmaci nel cervello o di aprire la barriera emato-encefalica e permettere ad altri veicoli di trasportare i farmaci stessi nel cervello”, afferma la Dr. Da Cruz-Höfling, che ha iniziato a studiare modi per permeare la barriera emato-encefalica 20 anni fa.”

Studi a riguardo effettuati sin dal 2016 all’Università di Campinas (S. Paolo, Brasile), di cui ovviamente tutti tacciono (ma va ?).


Ossido di grafene ridotto


Quindi in poche parole il Dr. Ardis sta consigliando prodotti (che vende a prezzo molto maggiorato rispetto al costo che si paga in una normale erboristeria) che servono a dissolvere quello che chiama il “V del serpente”, ma che è il…grafene.

Ah, riguardo la cosiddetta “trasmissibilità” per “contatto” del “V del serpente”…consiglio di leggere con attenzione il contenuto del mio prossimo articolo :


Misurate sperimentalmente irradiazioni emesse dai cosiddetti vaccinati. Possono essere pericolose per gli altri ?


Infatti, riassumendo : grafene + effetto moltiplicatore (*1000) delle onde elettromagnetiche = possibilità (che cresce proporzialmente alla quantità di grafene presente nel corpo delle persona “irradiante”) di essere irradiati.

La verità è però una sola.
Oggi tutti vogliono lucrare guadagnando sul panico.

Ecco una testimonianza  :

“Sono straconvinto che mi sono intossicato continuamente, soltanto abbracciando quell’amica che mi ha curato e che passa ogni giorno in un negozio che viene frequentato da “vaccinati” a manetta – e che i suoi problemi al cuore derivino proprio da là.

Inoltre, la doccia me la stavo facendo sempre con l’acqua comunale.”


La paranoia di molti no-vax


Attenzione a non cadere nella trappola del divide et impera ancora più assoluto.

“Da quando ho di nuovo internet mi sono quasi totalmente isolato.
Non vado più a pranzo dai vicini, non mangio più ciò che hanno cucinato loro ecc.”

Ho appena ascoltato una breve intervista ad uno psicologo tedesco che ha parlato della sua esperienza professionale con dei pazienti “vaccinati”.
Dice che il sintomo più eclatante fosse una “confusione mentale”, il “vuoto totale” che risultavano in delle depressioni, fino al suicidio – e questo, ora, lo correla con la rivelazione di Ardis.

Ora, senza voler ricapitolare troppo il mio stesso percorso, pensavo che la mia di depressione fosse dovuta al fatto che dopo quattro mesi di vita protetta causa incidente sono stato catapultato nella realtà atroce della pandidiozia.
Invece mi è stato attaccata quella robaccia a ***** e poi dai miei vicini.

La solitudine, la depressione e la mancanza di umanità ricevuta e trasmessa portano alla paranoia assoluta.


A ciascuno il suo


Poi, “a ciascuno il suo”.
Ma a mio parere è tutto fin troppo chiaro.



BannerVeronica 1


You cannot copy content of this page